venerdì 29 gennaio 2021

Solocosebelle + Giobia

L'ultimo giovedì di gennaio, da tradizione, si tiene, dalle mie parti,  la festa  della Giobia, una delle feste popolari più attese. 

Le Giobie sono fantocci in cartapesta , vestite di stracci, raffigurano i mali dell'inverno e, alla sera vengono bruciate in un grande falò che ha il significato di purificare e portare via tutte le negatività.
L’emergenza sanitaria non ha cancellato questa secolare tradizione, che si è svolta, però, in modo diverso.
Quest'anno le Giobie erano poche , sono state esposte in piazza, a Busto Arsizio, per tutto il giorno, come sempre ma il falò serale si è tenuto alla presenza di poche persone ed è stato trasmesso in diretta Fb, per tutti.
Quindi, non c'è stata neanche la tradizionale cena a base di risotto e salsiccia. Quest'anno è stata, soprattutto, una Giobia a tema covid, quella che tutti vorremmo finalmente bruciare per sempre.
I bambini della scuola dell'infanzia hanno dedicato il loro fantoccio all'ambiente , mentre la Lega Giovani ha proposto un fantoccio a tema politico.

Ecco le foto che ho scattatto ieri pomeriggio :










La foto del falò, l'ho presa dalla rete, speriamo che il fuoco abbia bruciato anche il virus !

Con questo post, partecipo a #Solocosebelle , iniziativa di Fioredicollina, per il mese di gennaio.

A tutti un caro saluto.

52 commenti:

  1. Mirty che bella questa tradizione.
    E si, speriamo che il fuoco abbia portato con sé tutto ma proprio tutto quello che di negativo stiamo vivendo.
    Un caro abbraccio Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  2. Bella questa tradizione. Hai fatto bene a postarla e partecipare anche qst mese all iniziativa #solocosebelle. Ciao Mirty!!

    RispondiElimina
  3. Tradizioni in crisi per il virus ma sempre belle
    Un caro saluto
    Giorgio

    RispondiElimina
  4. Ma che bella tradizione, come tutte le manifestazioni anche questa è stata penalizzata, però, dai, c’è stata ugualmente e questa è davvero una cosa bella. Buona serata Mirtillo.
    sinforosa

    RispondiElimina
  5. Speriamo di sì, che il fuoco bruci il virus, un fuoco in forma di vaccino.

    podi-.

    RispondiElimina
  6. Una festa suggestiva...speriamo tornare tutti in piazza ad ammirare queste antiche tradizioni che sono la cultura italiana. Buona giornata.

    RispondiElimina
  7. Me gusta tu participación Mirty.
    Volveremos a celebrar las fiestas que el covid nos ha quitado. Ahora tenemos que seguir teniendo paciencia.
    Buen fin de semana. Y sigue cuidandote.
    Un abrazo.

    RispondiElimina
  8. Deve essere veramente bella e suggestiva questa feste della Giobia.
    Non la conoscevo e devo dire che la trovo molto interessante.
    Chissà che quando il Covid decide di abbandonarci non riesca a venire a vederla dal vivo.

    RispondiElimina
  9. Bella tradizione e speriamo che la Giobia si porti via anche il covid.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  10. Hey dear! i loved the post and already followed your blog! I want invite you to visit and follow mine back ! <3

    www.pimentamaisdoce.blogpost.com

    RispondiElimina
  11. Una bella tradizione che non conoscevo,grazie per averla postata.

    RispondiElimina
  12. Resto sempre affascinata in positivo dalle tue foto. Dicono tutto di quel che di bello e importante ti circonda, delle tue passioni e delle tue speranze. Anche queste ultime sono piene di speranza. Piano piano ricominceremo, vedrai.
    Un abbraccio e buon sabato.

    RispondiElimina
  13. È bello che questa tradizione non sia stata cancellata per colpa della pandemia.
    Ed è bello anche che abbiano "bruciato il Covid".
    Speriamo che sia di buon auspicio.

    RispondiElimina
  14. da noi si bruciava "la vecchia", ma in realtà è un po' di tempo che non ne sento più parlare, forse la tradizione si è persa.

    RispondiElimina
  15. Qua si bruciava la veccia ..che praticamente era l'anno finito .era come bruciarequello che stato sopratutto il non buono.
    Puoi qua nelle campagne si usava la sera epifania bruciare i rami della potatura piante da frutto..serviva ad aiutare la madonna che doveva asciugare panni del Bambino..poi da come andava le scintille fuoco a dx o sx.si pronostica l'anno nuovo ..insomma se erano buoni i raccolti stagione nuova
    ..io e marito l'abbiamo fatto piccolini nostri campi..nei paesi dintorni invece niente

    RispondiElimina
  16. pure questa festa ci siamo giocati...anche se non sono leghista mi trovo ad essere d'accordo con la lega giovani.....

    RispondiElimina
  17. Molte tradizioni quest'anno, sono state annulate.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  18. Grazie a tutti e buona domenica !!!

    RispondiElimina
  19. Anche da noi la festa della Gibiana registrata e trasmessa . che dire....tanta tristezza .
    Abbraccio
    Gio

    RispondiElimina
  20. Una bella festa che non conoscevo....

    RispondiElimina
  21. non male come idea e bello rinnovare le tradizioni. Si bruci il tempo passato per rigenerare nel fuoco il tempo nuovo e buono.
    Buon febbraio Mirty

    RispondiElimina
  22. Buona settimana, buon mese di febbraio.

    RispondiElimina
  23. En Valencia, existe también la tradición, de quemar ciertas cosas ocurridas en el año en las fiestas de las Fallas. Se ven buenas creaciones artísticas en ellas y todos los años indultan la qu ha teneido más votos de las fallas expuesta, pasando a formaar parte del Museo fallero.

    Te mando un enlace, por si quieres ver algo referente al tema.

    https://www.visitvalencia.com/agenda-valencia/fiestas/las-fallas-de-valencia

    Besos

    RispondiElimina
  24. ciao una bella tradizione. Non conoscevo le giobia.....qua in certi paesi della provincia di Cremona nei giorni della merla facevano canti detti canti della merla e poi bruciavano la vecia.

    RispondiElimina
  25. Davvero speriamo che il fuoco abbia bruciato ogni negatività, virus compreso.
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  26. Purtroppo la pandemia ha condizionato pesantemente la nostra esistenza ed è comprensibile che sia divenuta protagonista di una manifestazione propiziatoria in cui si bruciano tutti i malanni.Speriamo che quel fuoco abbia bruciato ben bene il virus e... Peccato per quel risotto con le salsicce che deve essere davvero una delizia. Saluti cari a te.

    RispondiElimina
  27. Una tradizione che si ripete in tante sfaccettature in molte parti d'Italia! Questa non la conoscevo. Però quando ho abitato a Faenza ho conosciuto la notte del bisò e ci assomiglia un pochino.

    RispondiElimina
  28. Ogni giorno il pomeriggio ROSARIO EUCARISTICO (Ostensorio) E CONTINUA LA MESSA, per voi
    e penso........ Ti leggo A.

    RispondiElimina
  29. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  30. Queste usanze così sentite dalle persone che abitano un luogo sono molto belle e non si dovrebbero perdere nel tempo. Non sapevo e conoscevo, lo trovo proprio in tema di carnevale e di candelora... si chiude l'inverno e... Ciao Elisa

    RispondiElimina
  31. Ciao cara Mirty, questa festività è molto azzeccata, anzi, il fatto che l'abbiate adeguata alla situazione attuale è stato un vero colpo di genio e di sollievo direi. Credo che ognuno di noi vorrebbe poter bruciare questo virus maledetto e dire per sempre Adio! Credo che il falò abbia avuto tanti ma tanti, tanti visualizzazioni perché in troppi si saranno sentito sollevati da un simile atto.

    RispondiElimina
  32. Ciao cara Mirty oramai anche gennaio ha chiuso i battenti ! Bel post pensa che non conoscevo la festa della Giobia. Un saluto ed un grosso bacione

    RispondiElimina
  33. Anche se non sarà stato lo stesso per molto la sarà stato un po che è meglio di niente , importante e non dimenticare per tenere viva la tradizione

    RispondiElimina
  34. Il mio nonno me la preparava sempre in cortile la nostra Giobia, poi mi picchiava in mano due bei coperchi delle pentole e mentre lui gli dava fuoco io ci davo dentro con i coperchi. E si cacciava via tutto il male del mondo!
    Belle le tradizioni della nostra terra!

    RispondiElimina
  35. Bello questo post e che meraviglia esser approdata x caso sul tuo blog
    Ti seguo volentieri
    Daniela

    RispondiElimina
  36. Buongiorno a tutti !!!
    Infuso di riso e Laperfezionenonfaperme : benvenute nel mio blog.

    RispondiElimina
  37. Ciao , ho postato riguardo a voi partecipanti di #solocosebelle mese di gennaio....qui il post se ti va di leggere! Grazie per la tua adesione:
    https://fioredicollina.blogspot.com/2021/02/solocosebelle-gennaio-hanno-partecipato.html

    RispondiElimina
  38. Ciao Mirtillo, che bella questa tradizione!

    RispondiElimina
  39. Interessante questa tradizione! Il 5 gennaio in Veneto si brucia "la vecia", in Friuli il "Pignarul".
    Speriamo che tutto questo fuoco disinfetti dal virus! :)
    Un buon febbraio pieno di #solocosebelle!
    Lulù

    RispondiElimina
  40. Queste tradizioni sono molto belle. Peccato solo che non si sia potuto festeggiare a dovere. Speriamo bene per il prossimo anno. Molto significative le tue foto.
    Notte serena Mirtillo, grazie.

    RispondiElimina
  41. Scelte davvero appropriate, speriamo in bene dopo questo bel falò
    Franca

    RispondiElimina
  42. Che bella tradizione, non la conoscevo. In definitiva si rifà ai falò che bruciano i contadini per esorcizzare il nuovo raccolto. Speriamo proprio che ogni male se lo siano portato via. Buona giornata, Stefania

    RispondiElimina
  43. Una bella tradizione.
    Buona giornata.

    RispondiElimina

Mostra

A fine dicembre, sono tornata al Castello di Novara, per vedere questa mostra : "Il mito di Venezia - da Haiez alla Biennale". Mos...