mercoledì 27 gennaio 2016

Il volo di Sara

 In occasione della Giornata della Memoria, vi voglio parlare di un libro dedicato ai piccoli lettori.
Si intitola "IL VOLO DI SARA" di Lorenza Farina e narra la storia di una bimba di nome Sara, che in una fredda giornata invernale, arriva su un treno, tipo quelli usati per il trasporto delle bestie, in un campo di concentramento, con la sua mamma.
Sara è una bella e minuta bambina : due occhioni azzurri, un nastro azzurro tra i lunghi capelli e una sottana anch'essa azzurra.
Appena scese dal treno, Sara e la mamma vengono brutalmente divise.
Un piccolo pettirosso assiste alla scena e prova tanta pietà per la piccola, così decide di tenerle compagnia, raccontandole le fiabe che i piccoli pettirossi si raccontato tra di loro, nelle lunghe notti buie e solitarie.
Il piccolo pettirosso vede la bimba diventare sempre più magra e prova a portarle quello che trova da mangiare : dei semi, delle bucce di patate, delle briciole.
Alla fine il piccolo pettirosso donerà alla bambina le sue ali, così potrà volare  nel cielo azzurro, insieme a tanti altri bambini ai quali tanti uccellini hanno regalato le loro ali , verso la libertà.

E' un libro illustrato, grandi immagini dai toni del bianco e del nero che danno l'idea della solitudine e dello smarrimento che regnano in quei luoghi, adatto per trattare questi argomenti con i bambini.
Un libro dove c'è ,  comunque,  la speranza del volo dei tanti uccellini, liberi nel cielo.




(una pagina del libro "Il volo di Sara"- immagine dal web)

11 commenti:

  1. Cara Mirtillo, la sai che ho letto tutto in un fiato questo racconto di questo interessante libro,.
    Le storie che si parla dei bambini mi avvincono sempre, perché i bambini si devono sempre amare e non darle delle difficoltà nel loro crescita.
    Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. ciao
    grazie per questa segnalazione. Sarà il primo libro messo nella lista dei libri da scegliere da leggere per febbraio.

    RispondiElimina
  3. Penso che dopo "Il diario di Anna Frank" questo possa essere un libro che potrò leggere con un certo groppo in gola. Se penso che il "signor" Le Pen, ex presidente del Front National (fascisti), ha un giorno detto che la Shoha era solo un dattaglio della storia, mi viene voglia di dargli un dettaglio della mia mano sul muso. Bisogna anche ricordare che oltre, agli ebrei, c'erano nei campi di concentramento anche avversari politici, omosessuali ed altro.

    RispondiElimina
  4. Una storia che mi trasformerebbe in un fiume di lacrime.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Grazie Mirtillo, cercherò questo libro, credo valga la pena averlo.
    Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
  6. Un libro sicuramente da leggere.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  7. Bella e intensa storia, raccontata con garbo e delicatezza...un libro sicuramente da leggere. Ti ringrazio per la segnalazione. Ciao Stefania

    RispondiElimina
  8. E una storia molto triste, ma bellissima...

    RispondiElimina
  9. Ti ringrazio del tuo passaggio...adoro leggere...ho letto Anna Frank non penso di riuscire a leggere questo. La mia emotività mi distruggerebbe...un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  10. Ti ringrazio del tuo passaggio...adoro leggere...ho letto Anna Frank non penso di riuscire a leggere questo. La mia emotività mi distruggerebbe...un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina