lunedì 29 gennaio 2018

I giorni della merla


Gli ultimi tre giorni di gennaio sono detti "I giorni della merla", ci sono diverse leggende che ne spiegano il perchè; io, da buona milanese,  vi racconto questa leggenda, legata alla città di Milano : 

Tanto, tanto tempo fa a Milano ci fu un inverno molto rigido.

La neve scendeva dal cielo e copriva tutta la città, le strade, i giardini.
Sotto la grondaia di un palazzo in Porta Nuova c’era il nido di una famigliola di merli, che a quel tempo avevano le piume bianche come la neve. 
C’era la mamma merla, il papà merlo e tre piccoli uccellini, nati dopo l’estate.
La famigliola soffriva il freddo e stentava a trovare qualche briciola di pane per sfamarsi, perché le poche briciole che cadevano in terra dalle tavole degli uomini venivano subito ricoperte dalla neve che scendeva dal cielo.
Dopo qualche giorno il papà merlo prese una decisione e disse alla moglie: “Qui non si trova nulla da mangiare, se continua così moriremo tutti di fame e di freddo. 
Ho un’idea, ti aiuterò a spostare il nido sul tetto del palazzo, a fianco a quel camino, così mentre aspettate il mio ritorno non avrete freddo. 
Io parto e vado a cercare il cibo dove la neve non è ancora arrivata”.
E così fu fatto: il nido fu messo vicino al camino e il papà partì. 
La mamma e i piccoli uccellini stavano tutto il giorno nel nido, scaldandosi tra loro e anche grazie al fumo che usciva tutto il giorno dal camino.
Dopo tre giorni il papà tornò a casa e quasi non riuscì più a riconoscere la sua famiglia! Il fumo nero che usciva dal camino aveva colorato di nero tutte le piume degli uccellini!
Per fortuna da quel giorno l’inverno divenne meno rigido e i merli riuscirono a trovare cibo sufficiente per arrivare alla primavera.
Da quel giorno però tutti i merli nascono con le piume nere e, per ricordare la famigliola di merli bianchi divenuti neri, gli ultimi tre giorni del mese di gennaio sono detti “I tre giorni della merla”.



33 commenti:

  1. Una bella storia... Così diventeremo tutti noi: neri per l'inquinamento delle nostre città...

    podi-.

    RispondiElimina
  2. Da me non sembrano proprio... Sembra primavera! Ieri sul terrazzo avevo un caldo pazzesco perfino con maglioncino leggero!

    RispondiElimina
  3. Conoscevo questa leggenda. Certo oggi con il cambiamento climatico non sempre almeno dove vivo io quei tre giorni sono così freddi, ma questa è un'altra storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi è cambiato anche il clima ! Ciaooo

      Elimina
  4. Qui, di giorno ci sono 10 gradi, insomma non è proprio inverno. Bellissima la storia, la conoscevo appena.

    RispondiElimina
  5. Conoscevo la simpatica leggenda, oggi però non fa freddo.
    Per non rischiare comunque aspetterò a togliermi il tanga di lana :-) :-).
    Felice settimana, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai bene a tenere, ancora un pò il tanga di lana, non si sa mai. Ciaoo

      Elimina
  6. Cara Mirtillo, mi pare che tutto vada per traverso si passa da un freddo ghiacciale alla primavera, proprio nei giorni della merla, qualcosa non va!!!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Primavera anche qui, altro che merla !! Ciaooo

      Elimina
  7. Nice post!! nice story of Blackbird.
    https://clickbystyle.blogspot.in/

    RispondiElimina
  8. Sempre bello leggere la leggenda della merla. Oggi però non fa tanto freddo. Ciao e buona settimana.

    RispondiElimina
  9. Mi piacciono da matti le leggende... questa me l'avevano raccontata a scuola, ma è sempre bello rileggerla ed è bello scoprire le piccole varianti che ci sono da paese a paese... A presto.

    RispondiElimina
  10. La conosco anche io questa storia, mi piace tantissimo :-)

    ps: Star Wars è Guerre Stellari!

    RispondiElimina
  11. Non conoscevo la leggenda dietro questo modo di dire! Molto carina. Da me fa freddo da un po' in verità, ma di giorno c'è un bel sole per fortuna!

    RispondiElimina
  12. Io la conoscevo e la raccontavo agli alunni a scuola!
    Buona serata Mirty!!!!

    RispondiElimina
  13. Molto simpatica la leggenda.
    C'è il sole in questi giorni e non fa tanto freddo, stranamente...
    Grazie per essere passata.
    Buone giornate!

    RispondiElimina
  14. Ciao Glicine, Lietta, Luisa, Pier, Cavaliere, ecccc...grazie per il vostro passaggio.

    RispondiElimina
  15. Ho trovato sul web pure io qst leggenda che combinazione ... l ho postata su okanimali...
    Ciao cara

    RispondiElimina
  16. Es preciosa la leyenda que nos has contado. Por lo visto esta familia, con el tiempo se fue multiplicando y ha llegado hasta los más rincones del mundo. Cuando vea algún mirlo, en mi ciudad, me acordaré de esta hermosa leyenda.

    Besos

    RispondiElimina
  17. Brava Mirty, anche se la storiella non è nuova, l'ho riletta volentieri. Come stai?. Io sto migliorando... Avanti sempre!!! Ti auguro tanto bene e ti mando un telematico abbraccio. ciaoooooo

    RispondiElimina