domenica 31 gennaio 2016

Spesso...


Credo proprio che sia vero !! Almeno, per me lo è !!
La mia migliore amica, per la verità, abita un pò lontano da casa mia ma l'estate scorsa, quando ero in montagna e stavo vivendo una situazione non facile, aspettavo con trepidazione le dieci del mattino, per uscire a prendere il caffè al bar, con una mia cara amica.
Ci raccontavamo i nostri fatterelli personali, magari si aggiungevano altre persone che, io o lei conoscevamo e la compagnia si allargava.
Per me, questo momento speciale del caffè, è stata una vera terapia.

mercoledì 27 gennaio 2016

Il volo di Sara

 In occasione della Giornata della Memoria, vi voglio parlare di un libro dedicato ai piccoli lettori.
Si intitola "IL VOLO DI SARA" di Lorenza Farina e narra la storia di una bimba di nome Sara, che in una fredda giornata invernale, arriva su un treno, tipo quelli usati per il trasporto delle bestie, in un campo di concentramento, con la sua mamma.
Sara è una bella e minuta bambina : due occhioni azzurri, un nastro azzurro tra i lunghi capelli e una sottana anch'essa azzurra.
Appena scese dal treno, Sara e la mamma vengono brutalmente divise.
Un piccolo pettirosso assiste alla scena e prova tanta pietà per la piccola, così decide di tenerle compagnia, raccontandole le fiabe che i piccoli pettirossi si raccontato tra di loro, nelle lunghe notti buie e solitarie.
Il piccolo pettirosso vede la bimba diventare sempre più magra e prova a portarle quello che trova da mangiare : dei semi, delle bucce di patate, delle briciole.
Alla fine il piccolo pettirosso donerà alla bambina le sue ali, così potrà volare  nel cielo azzurro, insieme a tanti altri bambini ai quali tanti uccellini hanno regalato le loro ali , verso la libertà.

E' un libro illustrato, grandi immagini dai toni del bianco e del nero che danno l'idea della solitudine e dello smarrimento che regnano in quei luoghi, adatto per trattare questi argomenti con i bambini.
Un libro dove c'è ,  comunque,  la speranza del volo dei tanti uccellini, liberi nel cielo.




(una pagina del libro "Il volo di Sara"- immagine dal web)

lunedì 25 gennaio 2016

Quo Vado ?

 Quando questo film è uscito, ho pensato, come negli anni passati : Non andrò a vederlo di certo !Poi ci sono cascata anche quest'anno e, poco convinta, sono andata a vedere "Quo vado ?"Film campione di incassi e io, come sempre quando si tratta di Checco Zalone, non capisco perchè !
La trama è semplice : Checco ha un posto fisso all'ufficio caccia e pesca della provincia. Sta tutto il giorno seduto in ufficio a metter timbri sui permessi, finchè la legge che taglia alcune provincie tocca anche il suo posto. Piuttosto che accettare il prepensionamento, accetta la mobilità nei posti più disparati e disagiati, finchè viene spedito in una stazione di ricerca italiana al Polo Nord e qui conosce una giovane ricercatrice, con una famiglia un pò bizzarra al seguito.... Quello che mi chiedo sempre , quando vedo un film di Zalone, è il perchè di tanto successo ?!
Forse perchè, in un momento storico tanto difficile, abbiamo proprio bisogno di qualcosa che ci faccia sorridere e non pensare, forse perchè il posto fisso è un sogno di molti giovani e chissà quando lo troveranno questo benedetto posto fisso.
Il prepensionamento ? quanti si sono trovati a doverlo accettare !!
In fin dei conti Zalone prende in giro i mali della nostra società, in cui tutti ci ritroviamo, o in prima persona o perchè c'è chi, in famiglia ha di questi problemi.
Inoltre Checco è un personaggio semplice, che vorrebbe essere furbo ma, data la sua ingenuità, subisce sempre e si caccia nelle situazioni peggiori. MAh !!! Comunque il film è gradevole e adatto a far trascorrere un paio di ore serene.

(Immagine dal web : Checco al lavoro, nel suo ufficio permessi caccia e pesca)

giovedì 21 gennaio 2016

Carol

In questi giorni ho letto il romanzo "Carol" di Patricia Highsmith (Texas 1921 - Svizzera 1995).
Da questo romanzo è stato tratto il film omonimo, da poco uscito nelle sale (e che non ho ancora visto).
Le protagoniste del romanzo sono due donne :
Therese, 19 anni, apprendista scenografa che, per guadagnare qualche soldo, accetta di lavorare in un grande magazzino, nel periodo di Natale.  Ha una storia con Richard, però questo rapporto si trascina piuttosto stancamente.
Poi c'è Carol, una donna bellissima e sofisticata, separata dal marito.
Un giorno Carol entra nel grande magazzino, in cerca di una bambola per la figlia e qui conosce Therese.
Pian, piano tra le due donne nascerà un tenero sentimento.
A me è piaciuto molto,  è uno di quei libri che si leggono in poco tempo proprio perchè si apprezzano subito e la storia corre via, avvincente e veloce.
Ovviamente, l'argomento è trattato in modo molto delicato, tale da non urtare la sensibilità di nessuno.

Consigliato e buona lettura !!!
 

sabato 16 gennaio 2016

Il lago dei Cigni

Passeggiando in riva a uno dei piccoli laghetti varesini, in un pomeriggio di dicembre  abbastanza caldo per la stagione invernale, ho visto due cigni che si godevano la quiete e non disdegnavano di accettare i bocconi di cibo offerti dai pochi passanti che si avvicinavano incuriositi a loro.
Ne ho approfittato per far loro qualche foto :



giovedì 14 gennaio 2016

Giotto

Domenica 27 dicembre sono andata, con una mia amica a Milano, a visitare la mostra dedicata a Giotto ed ospitata a Palazzo Reale.
Sono 14 opere di questo grande artista toscano, mai esposte a Milano, prima.
L' allestimento buio delle sale,  mette ancora più in risalto l'oro delle pitture.
Ecco alcune opere esposte :

(Polittico Baroncelli- Santa Croce- Firenze)
Diopadre in trono- Padova
Polittico della Rocca di Galliera- Bologna

sabato 9 gennaio 2016

Hayez

Alle Gallerie d'Italia, piazza della Scala a Milano, è in corso una grande mostra dedicata ad Hayez, pittore ottocentesco, cantore della bellezza e dello stile.
Nella sua lunga vita, questo pittore ha prodotto moltissime opere, tutte di gran valore ma è conosciuto soprattutto per "Il bacio".
Di questo dipinto ne esistono tre versioni:

  • La prima (abito bianco) appartiene a una collezione privata.
  • La seconda è quella esposta alla Pinacoteca di Brera.
  • La terza (velo bianco a terra) appartiene anch'essa a una collezione privata.

Ecco i tre "Baci", l'uno accanto all'altro, per un confronto.
Pur essendo molto simili, a me piace particolarmente quello al centro, che di solito si trova a Brera, i colori sono molto più vividi, rispetto agli altri due.


Vi mostro anche qualche altro quadro di Hayez, presente in mostra :

(Giulietta e Romeo)
(Ritratto di A. Manzoni)

(Meditazione)

mercoledì 6 gennaio 2016

In montagna

Con l'Epifania terminano questi giorni di vacanza, di incontri con parenti e amici, di scambi di regali, serate speciali, dolce far niente...
Vi mostro le foto che ho scattato nella Valle Vigezzo, in Piemote, , tra l'ultimo e il primo giorno dell'anno nuovo.
La neve non era ancora caduta, ha incominciato a scendere appena son partita :
(Santa Maria Maggiore - piazza principale)

(Santa Maria Maggiore - Comune)

(Santa Maria Maggiore- Presepe della chiesa)

(Santuario di Re)

(FOTO PERSONALI)

sabato 2 gennaio 2016

Rubens

Come tutti gli anni, per Natale, anche quest'anno il Comune di Milano offre in mostra gratuitamente un'opera di un celebre pittore .
Quest'anno si tratta dell' "Adorazione dei Pastori" di Rubens, un dipinto che viene da Fermo ed è visitabile nelle sale di Palazzo Marino fino al 10 gennaio.
Io ci sono stata oggi, con una mia amica,  e non ho fatto neanche tanta coda per entrare, anche se  i controlli si sono intensificati, dopo i recenti attentati.
E' un dipinto molto grande.
Da notare la luce che illumina Gesù Bambino, la Madonna e i volti dei pastori, i principali personaggi, cioè, della scena della Natività.
Molto bello,vale la pena di andare a vederlo :