venerdì 21 ottobre 2016

Cafè Society

Nei giorni scorsi sono stata al cinema a vedere "CAFE' SOCIETY", il film di WOODY ALLEN che ha aperto la Mostra del Cinema di Venezia.
La trama, che copio da internet :

 
Bobby Dorfman lascia la bottega del padre e la East Coast per la California, dove lo zio gestisce un'agenzia artistica e i capricci dei divi hollywoodiani. Seccato dall'irruzione del nipote e convinto della sua inettitudine, dopo averlo a lungo rinviato, lo riceve e lo assume come fattorino. Bobby, perduto a Beverly Hills e con la testa a New York, la ritrova davanti al sorriso di Vonnie, segretaria (e amante) dello zio. Per lui è subito amore, per lei no ma il tempo e il destino danno ragione al sentimento di Bobby che le propone di sposarlo e di traslocare con lui a New York. Ma il vento fa (di nuovo) il suo giro e Vonnie decide altrimenti. Rientrato nella sola città in cui riesce a pensarsi, Bobby dirige con charme il "Café Society", night club sofisticato che diventa il punto di incontro del mondo che conta. Sposato, padre e uomo di successo, anni dopo riceve a sorpresa la visita di Vonnie. Con lo champagne, Bobby (ri)apre il cuore e si (ri)apre al dolce delirio dell'amore.
Posso dire che è un film dal quale traspare una certa nostalgia per gli anni trenta e il modo di vivere in quegli anni,  soprattutto per quel che riguarda i salotti e i caffè mondani, frequentati dalle celebrità di allora. 
La trama ha qualche cosa di già visto, secondo me;  forse qualche somiglianza con altri film di Woody Allen, però il film  è gradevole.
Difficile la scelta di Vonnie, divisa tra l'amore per il maturo zio, di cui è l'amante segreta e quello per il giovane Bobby ! 


Senza aspettarsi chissà che cosa, è un film che consiglio senz'altro di vedere perchè mi sembra ben interpretato e diretto. 

13 commenti:

  1. L'ho visto di recente anch'io, a me è piaciuto molto ( come del resto tutti i film di Woody Allen) Un caro saluto e buon fine settimana!!

    RispondiElimina
  2. Cara Mirtillo, io non lo ho ancora visto, ma sentendo dalla trama, credo che se mi capita, vale la pena di vederlo.
    Ciao e buona giornata con un abbraccio e un sorriso:) sorridere fa bene!
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Woody Allen mi piace tantissimo, quest'estate, quando non mi potevo muovere a causa della schiena, ho riguardato tutti i suoi film dei quali apprezzo particolarmente anche le colonne sonore. Questo di cui ci parli non l'ho ancora visto....ma già l'ambientazione negli anni 30 mi stuzzica molto.
    Ciao, buon fine settimana.
    Antonella

    RispondiElimina
  4. Allen è un personaggio!! I suoi film sono un po' un incognita! è il maestro dei meccanismi mentali e spesso i suoi film molto elaborati sono un po' ostici al pubblico del grande schermo, ma tutto sommato a me piace e dopo aver letto il tuo post, decido di seguire il tuo consiglio e di andare a vederlo! Grazie mille a presto!

    RispondiElimina
  5. Buon pomeriggio Mitillo! Non ho visto il film ma voglio vederlo! Un abbraccio a presto!

    RispondiElimina
  6. ho visto il triler in tv, è da tanto che non vado al cinema. un abbraccio

    RispondiElimina
  7. La trama invoglia a vederlo!
    Un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
  8. Certamente bisogna sempre prendere in considerazione il genere di film che fa Woody Allen, a me in genere non dispiace, ma può spiazzare. Questo film non l'ho visto, ma a giudicare dalla trama non dovrebbe essere malvagio. Come consigli tu: da vedere. Buon fine settimana un caro saluto Stefania

    RispondiElimina
  9. Non l'ho visto il film e non riesco a dare un giudizio.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  10. Ne hanno parlato, citandolo, proprio oggi al festival del cinema di Roma da dove sono appena tornato :)

    Un saluto :)

    RispondiElimina
  11. Un saluto veloce per augurarti una buona domenica ed una serena settimana ^_^

    RispondiElimina
  12. Grazie per la tua bella recensione. Io non mi perdo un film di Woody Allen. Lo vedrò prima possibile. Un abbraccio ^_^

    RispondiElimina
  13. Grazie per la tua bella recensione. Io non mi perdo un film di Woody Allen. Lo vedrò prima possibile. Un abbraccio ^_^

    RispondiElimina