venerdì 23 gennaio 2015

Festa patronale

La festa patronale, come ogni anno,  ci ha portato le bancarelle dei venditori di castagne.
Le castagne si chiamano  "marroni" di Cuneo, si vendono in lunghe file.
Quella della foto, è la fila di marroni che ho comprato io , ed è la più corta ma ce ne sono di molto più lunghe.
Fino a qualche anno fa le castagne erano  buone e belle grosse; ora,  spesso, sono  piccole e già guaste.
In molti luoghi qui intorno si sono accesi i falò di Sant'Antonio e si sono benedetti gli animali.
Li chiamano i "mercanti di neve", i santi di metà gennaio (sant'Antonio, sant'Ilario, san Mauro, san Marcello)
 , questo perchè di solito queste feste si svolgono tra la neve e il gelo. 
Quest'anno, questi festeggiamenti si sono svolti  sotto il bel sole caldo di questo inverno che non c'è.
Ora pensate che, nel mio giardino, i narcisi, i giacinti e i crochi sono già fuori di un bel pò dal terreno; se continua così, per la metà di febbraio saranno fioriti.

2 commenti:

  1. sono famose le vs castagne, si mantengono a lungo visto che non è il periodo...bello ed interessante questo post.

    RispondiElimina